Ferrari F40: 33 anni di storia Italiana

ferrari f40 33 anni anniversario cosedalweb motori
TEMPO DI LETTURA: 3 minuti

21 luglio 1987 – 21 luglio 2020: Sono ormai passati 33 anni dalla presentazione della Ferrari F40 al Centro di Maranello ad oggi.

Ferrari F40: la storia

Ferrari F40 è una tra le vere e proprie sportive versatili (pista/strada) di casa Ferrari presentata all’attuale museo, ex centro civico Ferrari, ben 33 anni fa e da quel momento di strada ne ha sicuramente fatta.

Il nome F40 deriva dalla celebrazione dell’anniversario dei 40 anni della casa automobilistica presentando anche la “firma” di Enzo, il fondatore.

Derivazione della 308 GTB e del prototipo 288 GTO Evoluzione. La vettura nasce per essere considerata “pura”, priva di tutto ciò che risultava non strettamente necessario. La F40 infatti non ha radio, sedili in pelle, chiusura centralizzata, maniglie delle portiere. Molto leggera e sicuramente potentissima, sotto il cofano posteriore prendeva posto un magnifico 8 cilindri con doppio turbocompressore IHI da 3.000cc che sprigionava 478cv, trazione posteriore e cambio meccanico a 5 rappoorti. Uno spettacolo insomma.

Studiata e progettata per essere “veloce”, grazie a potenza e telaio alleggerito riusciva a raggiungere i 100 km orari in soli 4,1 secondi, tempi invidiabili anche dalle macchine più recenti.

Il suo sviluppo fu inoltre completato in poco più di un anno, invece dei canonici 2 o 3.

Il prezzo di listino nel 1987 era di più di 373 milioni di lire, valore che continuò a crescere fino ad arrivare ad 1,2 milioni di euro oggi.

Il design

Osservandola con poca attenzione si potrebbe classificare come squadrata e poco aggraziata in realtà riusciva ad essere estremamente elegante ed aggressiva allo stesso tempo. Disegnata da Aldo Brovarone per Pininfarina riusciva a congiungere l’uso stradale a quello pistaiolo. Caratteristica spettacolare i doppi fari anteriori a scomparsa.

Nonostante le sue caratteristiche estetiche riusciva a catturare l’attenzione di chiunque, il muso basso con una grande mascherina anteriore nera che si riproponeva anche sulle fiancate parallelamente al suolo per terminare sullo splendido alettone integrato alla carrozzeria in tinta. Per finire i tre scarichi centrali ed il motore in bella vista.

La fine della F40

La sua produzione termino nel 1992 con soli 1311 esemplari prodotti.

Gli ultimi esemplari F40 GTE furono prodotti fino al 1998, quando venne rimpiazzata dalla F50. La F40 riusci comunque a passare alla storia come la prima auto stradale della storia Ferrari ad essere costruita mediante l’utilizzo di materiali particolari, all’avanguardia ed estremamente leggeri quali kevlar, fibra di vetro, plexiglas e resine aeronautiche. Inoltre riuscì ad essere ricordata come l’auto stradale più veloce mai costruita fino a quel momento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.